martedì 22 luglio 2008

Analisi Ciclica Medio/Lungo Periodo

Nei giorni scorsi leggevo tra i vari siti e specialmente nei forum finanziari indicazioni di probabili inversioni di mercato e che il minimo di qualche giorno fa era il probabile minimo del ciclo annuale o addirittura di cicli superiori. Sinceramente trovo premature certe affermazioni dettate più che altro dalla nostra impostazione rialzista che abbiamo oppure ricorrendo a statistiche storiche che non sempre hanno un riscontro per il futuro e, come sappiamo, specialmente in borsa dove di coerente e certo spesso non ha nessun riscontro!

Basandoci su indicatori settati su modelli matematici abbastanza attendibili e che possono aiutare a capire l'attuale situazione nonchè darci una migliore strategia per chi è predisposto ad investimenti di medio/lungo periodo, ho aggiornato alcuni indicatori in mio possesso che servono per identificare i movimenti volumetrici.

Tali indicatori sono settati sugli indici mibtel ed spmib.


I due indicatori evidenziano i movimenti dei Big Investor e del Parco Buoi, così come indicato nella legenda del grafico.
Come si può notare nei giorni precedenti mentre il mercato scendeva gli indicatori segnalavano che i BI stavano scambiando molti più contratti mentre i PB in maniera molto inferiore! Questo indicatore letto nel medio periodo dava questa indicazione che poteva essere erroneamente interpretata come maggiori acquisti da parte dei BI, in quanto come si può notare il mercato ha continuato con la sua discesa!


Andando però a confrontare ed integrare gli stessi dati con un altro indicatore settato sullo stesso periodo, ci indica con maggiore chiarezza dove stanno andando i volumi dei grandi investitori, avevamo un quadro più chiaro e che gli scambi da parte di questi avevano una visione verso il ribasso. I vari livelli indicati sul grafico vanno interpretati quando l'indicatore rosso penetra nel verso opposto la linea tratteggiata indicata. Attualmente l'indicatore ha toccato la linea di "acquistare" e superato la linea "accumulare". Conferma che tutto ciò che viene scambiato in questo periodo si tratta di acquisti e non alleggerimento di eventuali posizioni long, la avremo quando l'indicatore toccherà almeno la linea "ridurre".


Continuando con lo studio su un periodo molto superiore, di lungo periodo (come potete osservare i grafici partono dal maggio 2007), possiamo notare che da oramai più di 1 anno i BI (linea blu con sua media mobile) non sono assolutamente rialzisti nel lungo periodo mentre il PB (linea rossa) solo dal giugno 2008 ha iniziato a vendere. Sino a giugno 2008 si è tenuto in posizione di acquisto e leggere vendite se non addirittura, come si può notare dal grafico, acquisti abbastanza corposi proprio sui massimi di metà maggio 2008! Attualmente l'impostazione di entrambi (BI e PB) è ribassista ma quella che seguirò con maggiore attenzione è quella di chi conoscono meglio i mercati e pertanto quella dei BI. Se l'impostazione rimane ribassista personalmente affermare che i mercati hanno iniziato la loro fase di rialzo per i prossimi anni, sinceramente la trovo molto avventata e senza nessun riscontro.


Per terminare e per avere ulteriore conferma riporto altro indicatore che lavora diversamente, ma sempre sui volumi, estrapolando i dati degli scambi solo in particolari orari di contrattazione della giornata così da cercare di avere uno studio diverso e da accostare ai precedenti. L'indice è raffigurato dalle stick nere mentre l'indicatore è formato da 2 mm viola (veloce) e nera (lenta). Quando ho l'incrocio al rialzo, in questo caso, avrò una prima indicazione che nell'ultimo periodo ci sono stati più acquisti. Come si può notare verso fine maggio stavo avendo un primo timido segnale di rialzo che poi non è stato confermato nei giorni successivi. Anche da questo indicatore, che anticipa essendo più reattivo, non ho nessuna indicazione di rialzo!


A questo punto personalmente, ricordo che sto scrivendo di cicli di medio/lungo periodo come si può trovare riscontro anche dai grafici, penso sia prematuro affermare di rialzi nel lungo periodo sino a che non avrò almeno 2 conferme dagli indicatori che utilizzo che si basano su modelli matematici e non sul sentimento o dalla lettura di articoli più o meno attendibili che in questi periodi sono ancora più letti e con visioni spesso contraddittorie.

Spero di essere stato chiaro e rimango aperto ad eventuali contestazioni e/o analisi completamente diverse e contrarie. Non penso assolutamente che questa sia la verità ma l'analisi più probabile ed al momento personalmente attendibile da seguire per una eventuale operatività di lungo periodo anche se il mio animo rimarrà sempre da daytrading. Certamente non assumerei posizioni rialzista ma attualmente neanche ribassiste considerato che è più di 1 anno che il mercato ha iniziato la sua discesa rischiando di entrare malamente ed assumendo un rischio elevato per un piccolo guadagno! Ricordarsi sempre del money management che è pari al 50% dell'attività di trading.

Buon trading !

2 commenti:

Alex Hypertrader ha detto...

Ciao, ho dato un'occhiata veloce, molto interessante direi. Una domanda, hai ricavato il tutto dal libro di LArry Williams che parla di come interpretare il COT report??

Ciao

Traderxgioco ha detto...

Ciao Alex.E' un piacere leggerti. :)
Riguardo la tua domanda posso dirti che l'ultimo grafico è in parte costruito su quanto da te detto dovendo considerare un periodo temporale di lungo. Riguardo gli altri, invece, prendono dati durante alcuni orari della giornata in quanto l'arco temporale è di medio periodo. Ciao a presto! ;)